GITA IN MONTAGNA
Scritto da irene_alberto   

La passeggiata in montagna era al suo epilogo e mentre ci avviavamo al punto in cui avevamo la macchina, visto che eravamo gi√† al tramonto, ci era venuta la malsana idea di prendere una scorciatoia che costeggiava la diga, il risultato era stato che Irene era scivolata ed ea caduta in acqua ed in pi√Ļ sembrava si fosse slogata una caviglia, imprecare ormai no serviva a nulla e ci siamo avviati alla casa al bordo della diga, dove sicuramente c‚Äôera il guardiano, sperando ci potesse dare aiuto, quando arriviamo e gli spieghiamo la situazione ci guarda con un sorrisetto ironico, come la gente di montagna guarda la gente di citt√† e ci mette a conoscenza che fino al giorno dopo tranne che farla a piedi non c‚Äôera soluzione, ma visto le nostre condizioni se ci saremmo adattati ci avrebbe ospitato. Tony il guardiano era un signore sui 50/60 abbronzato con un fisico temprato dalle fatiche e dai muscoli notevoli per la sua et√†, ci fa accomodare in casa e per prima cosa consegna un accappatoio a Irene e la invita a togliere i vestiti¬† bagnati ed a fare una doccia, dicendogli che dopo gli avrebbe guardato la caviglia visto che ormai con tutti i gitanti sprovveduti si era fatto una grande esperienza in slogature, la casa non era altro che un bilocale una camera con¬† un letto matrimoniale ed un armadio, un bagno con doccia ed un locale che faceva da cucina e zona giorno, appena Irene esce dalla doccia lui la invita ad andare a sdraiarsi sul letto e prende i suoi vestiti per appenderle fuori ad asciugare, tiene tutti i vestiti in una mano mentre nell‚Äôaltra tiene il minuscolo perizoma in pizzo poi guarda Irene negli occhi e gli fa un sorriso. Dopo aver steso i vestiti dalla credenza prende una boccetta dicendo essere unguento e si avvicina ad Irene, gli prende la caviglia in mano e la manipola da intenditore la rassicura che √® solo una cosa da niente e che grazie al suo unguento il giorno dopo avrebbe potuto camminare regolarmente, io sono seduto sul letto accanto a Irene, lui versa l‚Äôunguento e poi delicatamente inizia a massaggiare la caviglia, quando gli solleva la gamba per massaggiarla meglio, √® normale che l‚Äôaccappatoio tenuto chiuso solo dalla cintura, gli lascia la visione della figa di Irene che lui pur facendo finta di non guardare di sicuro non disdegna lo spettacolo, Irene per un paio di volte cerca di coprirsi ma i continui movimenti non lasciano niente di nascosto agli occhi di Tony. Si dilunga molto nel massaggio e dalla caviglia sale anche lungo il polpaccio e fino al ginocchio, Irene resta rilassata e dopo avermi stretto la mano come cenno di intesa chiude gli occhi e si rilassa non preoccupandosi degli sguardi vogliosi di Tony, dopo una buona mezzoretta di massaggio si alza, e sia io che Irene possiamo notare la consistenza del suo pacco e sicuramente della sua eccitazione, ci invita a sederci a tavola e divide con no la sua cena a base di polenta coniglio arrosto formaggio e salame, durante la cena chiacchieriamo del pi√Ļ e del meno, Tony ci racconta un sacco di aneddoti sulla sua vita di guardiano della diga e si rivela una persona anche molto simpatica, ad una certa ora, ormai e quasi buio, ci dice che deve fare il suo giro di controllo della diga e che sarebbe ritornato dopo una oretta

-       Amore visto come ti guardava? Se eri da sola ti sarebbe saltato subito addosso

-       Ahahah ci credo, vivere qui da soli non è il massimo, ma non credo ci resti anche inverno

-       Comunque è un bell’uomo ed anche simpatico piacevole parlare con lui

-¬†¬†¬†¬†¬†¬† Ed √® anche bravo a massaggiare non sento quasi pi√Ļ dolore alla caviglia ed era anche rilassante

-       Solo rilassante? Ho avuto netta sensazione che fosse anche eccitante

-       Ahahah si è vero amore era anche eccitante, sarebbe stato piacevole se le sue mani fossero salite

-       Ahahha vedo che ti intriga, ok amore la notte è lunga e se non sarà lui a prendere iniziativa faremo noi in modo che sia coinvolto. Che ne dici?

-¬†¬†¬†¬†¬†¬† Per me va bene amore √® un bell‚Äôuomo e poi dopo stanotte non ci vedr√† pi√Ļ togliamoci capriccio.

Tony arriva prima di una ora, noi siamo sul piccolo patio ad attenderlo, Irene, stavolta credo di proposito è seduta con accappatoio leggermente aperto, Tony ci offre una grappa da sorseggiare e poi mentre fumiamo una sigaretta ci dice che possiamo dormire nel suo letto e che lui dormirà per terra in cucina

-       Tony non mi sembra giusto, il letto è grande ci stiamo n 3, starò in mezzo io se mi dici che posso fidarmi ahahaha che non ti vengano strane idee ahahah

-       Le idee ci sono sempre, ahahah e mica sono strane sono naturali mica sono di legno, ma fidati

Anche se abbastanza presto, per orari citt√†, andiamo a letto, Tony va in bagno a fare una doccia, intanto io mi spoglio e resto solo in boxer, ma quando Irene prendendomi in giro dice che ho paura di Tony e tengo boxer io che di solito dormo sempre nudo, tolgo anche quelli, lui invece quando esce dal bagno ha un paio di pantaloncini ed √® a dorso nudo, Irene lo guarda ammirata, √® veramente in ottima forma abbronzato e con fisico che sembra un 30enne palestrato, una volta a letto spegne la luce, e mi gira le spalle tentando di dormire io sono rivolto verso Irene stretto quasi a lei che si avvicina ed inizia a baciarmi, lentamente i baci si fanno pi√Ļ profondi, e quando allungo una mano e gli tocco la figa la trovo un lago di umori lei inizia a baciarmi con pi√Ļ frenesia e la sua voglia cresce ad ogni istante cos√¨ le chiedo:

-       Hai tanta voglia amore?

-       Si tesoro, ti prego prendimi ho voglia di godere

-       Amore sai bene che se iniziamo anche se dorme Tony si sveglierà e non cedo affatto che si accontenterà solo di ascoltare i nostri mugolii, vorrà partecipare, ti va?

Irene come risposta mi da un lungo bacio mentre con la mano va al mio cazzo, √® chiaro che ha voglia anche di Tony, io la assecondo ed i miei baci e carezze si fanno pi√Ļ intensi fino a quando Irene si piega prende il mio cazzo in bocca ed inizia a farmi un pompino, era pi√Ļ che logico che Tony non dormiva ed anche se avesse dormito lo avremmo svegliato, si gira a faccia in su e nella penombra rischiarata dalla luna dopo aver abituato gli occhi, vedo chiaramente che si sfila i pantaloncini e resta anche lui nudo, ormai siamo scoperti totalmente e quando dopo avermelo succhiato un po' Irene mi viene sopra per impalarsi sul mio cazzo e normale che tocchi Tony con la gamba, lui si scosta per fargli spazio ed Irene lentamente si fa entrate tutto il mio cazzo in figa, io allungo le mani a toccargli il seno ed adesso il suo sguardo √® focalizzato sul cazzo di Tony che svetta eretto, Irene √® come rapita non riesce a distogliere lo sguardo da quel cazzo a pochi centimetri da lei, Tony non prende nessuna iniziativa ci osserva e se lo mena, io non faccio nulla aspetto che sia Irene a prendere l‚Äôiniziativa, lei √® sempre pi√Ļ eccitata mi sento inondare dai suoi umori, poi cambia posizione, non pi√Ļ¬† eretta, si piega verso di me e contemporaneamente allunga una mano, adesso che riesce a raggiungerlo, e afferra il cazzo di Tony ed inizialo ad accarezzarlo, il contatto con il cazzo la fa eccitare di pi√Ļ e le¬† contrazioni della sua figa mi fanno capire che sta per godere, e quando si piega e glielo prende in bocca mi sento inondare dai suoi umori e lei inizia a urlare, resto dentro di lei ma mi sposto in modo che lei gli possa succhiare bene il cazzo, ma dopo un minuto sono io a invitarla ad andare sopra a Tony, mi sposto in modo che si possano spostare al centro e quando dopo averlo preso in mano ed averlo puntato alla sua figa si lascia scendere fino a riceverlo tutto dentro il suo corpo ha come degli spasmi causate da un altro orgasmo molto intenso, Tony non resta fermo muove il bacino facendola ballonzolare ed ad ogni colpo Irene emette un gemito di piacere, io mi posizioni dietro di lei e la invito a piegarsi, il suo culetto adesso √® a portata della mia bocca, inizio a leccarla spingo la lingua dentro e quando la sento bella dilatata lentamente spingo e scivolo dentro di lei, sembra quasi¬† che il mio cazzo e quello di Tony siano a contatto, il leggero diaframma sembra non esistere quando inizio a dare colpi Irene inizia di nuovo a urlare tutto il suo godimento, vari orgasmi fanno vibrare il suo corpo e quando quasi contemporaneamente io e Tony godiamo riempiendola del nostro orgasmo lei si accascia sul letto quai distrutta, resta immobile per quasi 10 minuti poi va in bagno a fare una doccia veloce ed al ritorno si lascia andare a letto distrutta Tony mi ringrazia, ma io gli dico che ea stato un desiderio di entrambi, poi esce dicendomi che deve ripetere il controllo mi sdraio accanto a Irene e lei si √® gi√† addormentata mi rilasso e mi addormento anche io. Mi sveglio sentendo i baci di Irene su tutto il volto e le sue mani che mi accarezzano poi lei si avvicina e mi dice:

-       Amore Tony me lo ha messo dentro mentre dormivo

-       Stanotte?

-       No no amore adesso quando ti ho svegliato

-       Ti piace sei eccitata?

-       Quando lo ha infilato dormivo mi sono svegliata perché ero asciutta ed ho sentito male

-       Ed adesso? senti male? Ti piace? Vuoi farlo ancora?

-       Adesso sono bagnata, si ho voglia, anche di te però, come ieri sera

resto un attimo fermo e continuo a baciare Irene mentre Tony da dietro continua a spingere sempre con p√Ļ veemenza fino a che Irene mi stringe forte facendo mi capire del sopraggiungere dell‚Äôorgasmo, continua a godere anche quando io abbassandomi inizio a leccargli la figa e succhiare il clitoride dopo una serie di orgasmi consecutivi, si stacca da Tony e mi viene sopra, √® un lago di umori e scivolo subito dentro di lei, poi si piega e fa cenno a Tony di andare dietro, lui non se lo fa ripetere gli punta il cazzo nel culetto e con un colpo secco √® dentro di lei inizi a urlare e muoversi quasi come una forsennata e dopo poco godiamo contemporaneamente tutte e 3. Dopo in po' di riposo una doccia rivestiti e fatto colazione ci prepariamo a partire, dobbiamo camminare 1 oretta per arrivare alla nostra auto, Tony ci aveva invitato di restare ancora, ci sperava, poi ci ha invitato per tutte le volte che volessimo andare e per ultimo visto che eravamo irremovibile segna su un numero di carta il suo numero di telefono e lo da a Irene dicendo che lui era sempre a disposizione bastava chiamarlo. Ci avviamo e quando arriviamo ai bordi della diga mi fa fermare fa una pallottola di carta con numero di toni lo lancia nel lago e mi dice:

-¬†¬†¬†¬†¬†¬† Noi siamo come Paganini vero amore? ‚ÄúPaganini non ripete‚ÄĚ

 

Commenti SC

cplodi2019-04-18 08:07#1
Beato Tony

SC Login

Sc Online

 
SexyCommunity annunci erotici gratuiti tutti i diritti sono riservati senza autorizzazione scritta è espressamente vietato copiare o divulgare foto e testi presenti nel sito .il materiale inviato a SexyCommunity è di proprietà di chi lo invia che puo in ogni momento chiederne la cancellazione contattando lo staff di Sc.SexyCommunity non è responsabile del materiale inviato dagli utenti ma può insindacabilmente cancellarlo se questo violi in qualsiasi modo la vigente normativa

¬© 2019 SexyCommunity ‚ĄĘ - TradeMark - Marchio Registrato